Cos’è la beta, a cosa serve e che informazioni da.

La gonadotropina corionica (Beta HCG o semplicemente HCG) è una glicoproteina prodotta esclusivamente dalla placenta.

Il valore dell’ormone viene rilevato  tramite una semplice analisi del sangue e può confermare, in modo certo, l’esistenza o no di una gravidanza. Inoltre, a seconda del livello di concentrazione,  potrà indicare la salute dell’embrione e l’eventuale esistenza di una gravidanza multiple.

 È  risaputo che a partire dal  7º giorno di concepimento l’apparato riproduttivo femminile comincia la secrezione dell’ormone, che continuerà ad aumentare fino alla fine del primo trimestre di gravidanza, in seguito si manterrà ad un livello stabile fino al parto.

beta

In una possibile gestazione naturale, il livello dell’ormone potrà  stabilire una gravidanza solo dopo pochi giorni di assenza del ciclo mestruale. Nel caso dei trattamenti di riproduzione assistita,  quest’analisi dovrà effettuarsi qualche giorno dopo, a seconda che la paziente si sia sottoposta a un’inseminazione artificiale, una fecondazione in vitro o una donazione di ovociti.

Molte volte, oltre alla prova in orina è necessario effettuare anche un’analisi del sangue che permette di diagnosticare per tempo una gestazione extrauterina, o qualche altra anomalia, che se fosse diagnosticata troppo tardi potrebbe mettere a rischio la salute della gestante.

Dopo 48 ore da questo primo test, a seconda del valore, si può ripetere l’esame. Una corretta evoluzione della gravidanza comporta dei valori minimi che dovranno duplicarsi dopo 48 ore. A volte il valore iniziale è basso rispetto alla data in cui viene effettuato, la ripetizione dell’ HCG può essere sollecitata per meglio precisare il risultato.

Alla ProcreaTec  è fondamentale che le nostre pazienti si sentano seguite durante tutto il trattamento. Dopo il transfer e la conclusione del trattamento, la paziente continuerà ad essere seguita e controllata, se lo desidera, fino alla fine del primo trimestre, momento in cui la gravidanza raggiunge una maggiore stabilità con un più basso rischio di aborto per la futura madre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *