Notizie Nutrizione

Ipotiroidismo, nutrizione e fertilità.

Questa è la settimana mondiale della nutrizione. Nel seguente articolo vogliamo sottolineare l’importanza di avere un livello adeguato di ormoni tiroidei durante la formazione del feto. Per questo motivo, vi daremo alcuni consigli nutrizionali che vi aiuteranno a mantenere i livelli raccomandati per una forma salutare.

Perché è importante?

L’ipotiroidismo consiste nell’insieme di alterazioni organiche che provocano una produzione insufficiente di ormoni tiroidei. Gli ormoni tiroidei, specialmente il T4, sono un fattore critico per lo sviluppo  del Sistema Nervoso Centrale del feto. Se non si ha un livello adeguato di tali ormoni, la migrazione di neuroni e la maturazione e formazione di alcune zone critiche del cervello non si producono in maniera ottimale.

Per questo motivo è importante mantenere il valore del TSH (ormone stimolante della tiroide) al di sotto di 2.5 mlU/L per mantenere un apporto adeguato di ormoni tiroidei al feto.

Nutrizione e tiroide

Oltre alle cure mediche, vi sono altre forme naturali che aiutano a mantenere  il valore nei limiti della normalità.

Prima di tutto il  selenio come elemento chiave per mantenere dei range di TSH salutari. Gli alimenti in cui possiamo trovare un alto contenuto di selenio sono: semi di girasole, noci del Brasile, grano, crusca e germe di grano, orzo e semi di senape.

Allo stesso tempo conviene controllare i livelli di iodio. È  importante ricordare che alcuni elementi vegetali contengo più iodio di altri. Valori di iodio in microgrammi per 100 grammi di prodotto: Spinaci (41mcg), riso integrale (20mcg), funghi freschi (18mcg), barbabietola, carote, mele (8mcg).

D’altro canto si raccomanda di  evitare latticini e soia, dato che sono elementi che alterano i livelli del TSH.

Terapie alternative

Oltre a una dieta equilibrata, esistono anche delle terapie alternative che aiutano a risolvere i problemi derivanti dalla tiroide. Esistono vari studi che sostengono le tarapie Fitoterapeutiche (Fucus Vesiculosus) e  Ayurvediche (Commiphora Mukul). Se si decide di prendere in considerazione queste opzioni è raccomandato parlarne con uno specialista del settore.

Speriamo che questi piccoli consigli possano aiutarvi. Ricordate che per qualsiasi consulenza, avete a vostra disposizione la migliore équipe di Fertilità!

Aggiungi un commento

Clicca qui per pubblicare un commento

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 359 altri iscritti

Categorie

Contattare

Categorie

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This