Fattore Femminile

Mese mondiale di sensibilizzazione sul tumore al seno

Mese mondiale di sensibilizzazione sul tumore al seno

In tutto il mondo, il mese di ottobre viene dedicato alla sensibilizzazione sul tumore al seno. In questo mese ci si concentra soprattutto sulla diagnosi precoce e il trattamento del tumore al seno. Il tumore al seno è il tumore più frequente nelle donne tanto nei paesi sviluppati che in quelli sottosviluppati.

La dott.ssa Consuelo Sanz, oltre ad essere una delle ginecologhe di Procreatec è anche Responsabile dell’Unità di Patologia Mammaria dell’Ospedale 12 de Octubre di Madrid ed è specializzata in tumori al seno. Le abbiamo fatto alcune domande sulla sua specialità in relazione alla fertilità.

Dott.ssa Sanz, i trattamenti di fertilità possono causare il tumore al seno?

* Attualmente, non esiste alcuna evidenza scientifica per affermare che i trattamenti di fertilità producano tumore al seno né qualsiasi altra tipologia di tumore. Tuttavia ogni volta che cominciamo un trattamento ormonale dobbiamo effettuare un buon check up clinico con visita ginecologica che includa l’esplorazione di entrambe le mammelle. Oltre i 40 anni, inoltre, richiediamo, prima dell’inizio del trattamento, una mammografia o ecografia mammaria, soprattutto su mammelle che presentano alta densità alla palpazione.

Dopo un tumore al seno si può fare un trattamento di riproduzione assistita? Quanto tempo bisogna attendere?

-Gli studi disponibili al giorno d’oggi non permettono di assicurare che una gravidanza peggiori la prognosi in pazienti con diagnosi di tumore al seno. Rispetto al tempo di attesa dopo il tumore, dipende. La possibilità di gravidanza dev’essere presa di comune accordo tra la paziente e i medici che la seguono (oncologo e chirurgo). Il tempo di attesa, idoneo, dipende dal tipo molecolare, dallo stadio e dall’età della paziente. In modo generico potremmo dire che dovremo aspettare almeno due anni dalla fine del trattamento oncologico, dato che è in questo periodo che, si può verificare una recidiva precoce.

Preservare la fertilità dopo la diagnosi di tumore al seno peggiora la prognosi della paziente?

-La preservazione della fertilità non peggiora la prognosi della paziente, e molte volte rappresenta la sua unica opportunità di diventare madre utilizzando i propri ovociti (ovuli). Quindi, le pazienti con tumore al seno e desiderio di maternità non realizzato, devono essere informate di questa opzione prima di trattamenti adiuvanti (chemioterapia). Allo stesso modo, i trattamenti utilizzati per la stimolazione ovarica non causano alterazioni nella discendenza. Tutte queste raccomandazioni appaiono, nella prassi delle guide cliniche delle distinte società scientifiche.

Quali opzioni di preservazione ha la paziente?

-Basicamente esistono tre opzioni:

A) L’utilizzo di analoghi della GnRH: sono un gruppo di farmaci che mettono le ovaie in riposo impedendo che la chemio o la radioterapia danneggino gli ovociti. Si crea una “menopausa artificiale” che protegge l’ovaio. Tuttavia, oggigiorno, non viene impiegata come prima opzione.

B) In maniera quasi sperimentale la preservazione del tessuto ovarico e posteriore trapianto.

C) Vetrificazione di Ovociti: per mezzo di questo trattamento la paziente si sottopone a una stimolazione ovarica affinché, invece di maturare un solo ovocita, come succede in maniera naturale durante un ciclo, maturino il maggior numero di ovociti possibile per la loro preservazione e futuro utilizzo.

La dott.ssa Sanz conclude dicendo che il mese di ottobre è il suo mese preferito, perché è il momento in cui tanto le donne come gli uomini prendono coscienza dell’importanza della diagnosi precoce del tumore al seno, quanto prima viene diagnosticato, più probabilità ci sono di riuscire ad avere una guarigione definitiva dalla malattia.

Tutti uniti contro il tumore al seno!

Aggiungi un commento

Clicca qui per pubblicare un commento

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 357 altri iscritti

Categorie

Contattare

Categorie

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This