Archivi

La riserva ovarica della donna dopo i 35 anni

La riserva ovarica della donna dopo i 35 anni Sempre più donne decidono di diventare madri dopo i 35 anni ma solo il 2% si rivolge agli specialisti per fare uno studio della loro reserva ovarica. Attualmente molte donne decidono di diventare madri a 35 anni o anche oltre. Tuttavia, quando dopo vari tentativi falliti, si rivolgono a uno specialista, scoprono che la loro riserva ovarica sta ormai esaurendosi. Davanti a questo problema, gli esperti affermano che la donna deve … Continua la lettura di La riserva ovarica della donna dopo i 35 anni

Affrontare un trattamento di Fertilità dopo un tumore.

giornata mondiale lotta contro il tumore al seno

La diagnosi di un tumore è un momento difficile da accettare e affrontare. Grazie ai progressi in medicina, oggigiorno, alcuni tumori, a seconda dello stadio in cui sono stati diagnosticati, si possono curare con un trattamento di radioterapia o chemioterapia. Molte donne, al giorno d’oggi, sono riuscite a superare un tumore in modo ammirevole, dopo una dura lotta fisica ed emotiva, ma queste stesse donne dovranno affrontare un enorme ulteriore dubbio, saranno ancora fertili? L’organizzazione non lucrativa BreastCancer che ha … Continua la lettura di Affrontare un trattamento di Fertilità dopo un tumore.

Cos’è l’Ormone Antimulleriano? Misuriamo l’età delle tue ovaie.

l’Ormone Antimulleriano

L’ormone antimulleriano (da adesso AMH) ci permette di realizzare una migliore misurazione della riserva ovarica dei nostri pazienti. La riserva ovarica è un parametro importante nella riproduzione assistita, ma non sempre le donne conoscono la sua importanza. La riserva ovarica si riferisce alla quantità di ovuli presenti nelle ovaie, e ci da informazioni sulla fertilità della donna. Storicamente si valutava la riserva ovarica con un’ecografia transvaginale e un’analisi ormonale basale (2º-5ºgiorno del ciclo mestruale). Adesso oltre a questa prova si … Continua la lettura di Cos’è l’Ormone Antimulleriano? Misuriamo l’età delle tue ovaie.

La diagnosi genetica preimpianto: una tecnica in auge.

Non è una tecnica nuova, ma sì molto perfezionata, tanto che è la scommessa del futuro per molti professionisti della medicina della riproduzione assistita.   Da anni i medici specializzati in fertilità sanno che numerose anomalie genetiche e alterazioni cromosomiche sono le cause di molti mancati impianti o aborti ripetuti. Fino all’arrivo della DGP l’unica cosa che si poteva fare in questi casi era incrociare le dita e sperare che gli embrioni risultanti da una fecondazione in vitro fossero vitali … Continua la lettura di La diagnosi genetica preimpianto: una tecnica in auge.

Perché le donne dobbiamo pensare a preservare la fertilità.

preservare la fertilità

Oggi parleremo di un caso particolare, ma che è una situazione sempre più frequente nella nostra società. Vi racconteremo di una storia reale nella quale molte di voi si identificheranno.   Non molto tempo fa, parlando con un’amica che era a conoscenza del settore in cui lavoro, mi disse sottovoce che stava pensando di rivolgersi alla mia clinica per diventare madre. La mia amica, a 34 anni, è una donna indipendente, con un buon lavoro, una casa propia, ecc.  In … Continua la lettura di Perché le donne dobbiamo pensare a preservare la fertilità.

Dobbiamo parlare della congelazione degli ovuli

congelazione degli ovuli

Nel dicembre del 2010 nasceva il primo “bebè gelo”: il primo bebè nato da un ovulo congelato. Nel 2012 l’etichetta “sperimentale” era stata eliminata dai trattamenti di preservazione della fertilità femminile con alcuni accorgimenti sui suoi risultati. Oggi,  in pieno 2016, 4 anni dopo, la crioconservazione degli ovuli è  inclusa tra i servizi di quasi tutte le cliniche di fertilità dovuto alla sua più che certa affidabilità. “La vetrificazione degli ovuli da speranza” Abbiamo letto, poco tempo fa, di una … Continua la lettura di Dobbiamo parlare della congelazione degli ovuli

 La preservazione della fertilità in pazienti giovani colpiti da cancro, un’opzione sconosciuta.

preservazione fertilità

Molte volte abbiamo insistito sugli obblighi che i medici hanno verso il loro lavoro, uno di questi è informare correttamente i loro pazienti di tutte le opzioni, i rischi ecc., a cui vanno incontro quando viene diagnosticata una malattia grave. Uno studio realizzato recentemente rivela che la maggior parte dei giovani con cancro, che  dopo i trattamenti vedono messa a  rischio la loro fertilità, non sanno come preservare la possibilità di diventare padre in futuro. Lo studio mette in evidenza … Continua la lettura di  La preservazione della fertilità in pazienti giovani colpiti da cancro, un’opzione sconosciuta.

Il tempo e la fertilità. Un gioco in cui l’attesa è esasperante.

Tempo e fertilità

Fa lo stesso se vuoi rimanere incinta o stai aspettando il risultato di un trattamento, l’attesa  è qualcosa di esasperante. Chi ha detto per la prima volta che “Il tempo vola” non stava cercando una gravidanza. Quando nella nostra quotidianità il tempo corre velocemente e sentiamo che ci viene a mancare, se stai aspettando il risultato positivo di una grvidanza, le ore si fanno eterne. In questo processo il tempo svolge il ruolo del protagnista, per prima cosa il famoso … Continua la lettura di Il tempo e la fertilità. Un gioco in cui l’attesa è esasperante.

Possiamo far si che gli ovociti si ringiovaniscano?

ringiovaniscano ovociti

  Nel 2012 il biologo Jonathan Tilly, con la sua équipe di scienziati di Harvard, annunciavano che avevano trovato alcune cellule madri predecessori degli ovuli. Nell’ aprile del 2015, in Canada, nasce Zain Rajani il primo bebè nato dopo aver utilizzato la nuova tecnica che Tilly aveva annunciato già nel  2012. La notizia, pubblicata sulla rivista TIME, spiega come le cellule staminali o cellule madri introdotte nell’ovulo sano, possano ancora dividersi e aiutare a migliorare la qualità degli ovuli di … Continua la lettura di Possiamo far si che gli ovociti si ringiovaniscano?

Stimolazione ovarica

stimolazione

Di cosa si tratta? Un procedimento imprescindibile per ottimizzare la quantità degli ovuli prodotti durante un ciclo affinché il trattamento di fecondazione in vitro sia il più produttivo possibile. In generale, si modifica il ciclo mestruale della paziente e si coordina la stimolazione con terapie ormonali. La somministrazione di ormoni farà sí che si ottengano un numero ottimale di follicoli (in cui si trova l’ovocito). Durante questo processo la paziente deve rivolgersi periodicamente al suo medico perché controlli l’effetto dei … Continua la lettura di Stimolazione ovarica