Lo Zinco: la scintilla della vita.

Lo  Zinco gioca un ruolo importante nella fecondazione dell’embrione.

scintilla

Se sei di quelli che si preoccupano per la propria salute, qualche volta avrai già letto sui benefici che da mantenere i livelli adeguati di zinco. Tra le altre perché lo Zinco è un micronutriente essenziale, che contribuisce ad avere una pelle sana, aiuta la vista, il sistema immune e, oltretutto, migliora la salute riproduttiva.

Lo Zinco si trova in vari elementi, tra gli altri: i semi di sesamo, gli spinaci, nei funghi shitake, la noce di acagiù, nella quinoa e in molte altre fonti alimentari.

Uno  studio recentemente  pubblicato nella rivista scientifica Natura Chemistry dimostra che lo Zinco gioca un ruolo importante nella maturazione degli ovociti e nella fecondazione. Lo studio indica che si è potuto comprovare come l’ovulo nel momento in cui viene fecondato genera una serie di piccole “scintille di Zinco”, e  questo succede proprio quando l’ovocita si trasforma in embrione.

Si è potuto descrivere molto poco di questo momento, ma ciò che si è potuto confermare è che, nel momento in cui l’ovulo matura, si ha un’elevata formazione di Zinco. In assenza di questa quantità di Zinco, l’ovulo non raggiunge lo stadio si maturità MII.

Tuttavia, perché si abbia la trasformazione in embrione, il livello di Zinco deve diminuire, perciò viene liberato sotto forma di scintille.

Questa  sorprendente ricerca dimostra ancora una volta la complessità del processo di sviluppo dell’embrione.

Alla ProcreaTec siamo sempre molto attenti alle ultime scoperte, pensiamo che questi studi, che chiariscono piccoli dettagli sulla fecondazione e lo sviluppo dell’embrione, permetteranno in futuro di avere mezzi migliori per diagnosticare le formule più efficaci per i trattamenti dei nostri pazienti.  

Riferimenti:

Quantitative mapping of zinc fluxes in the mammalian egg reveals the origin of fertilization-induced zinc sparks.

Emily L. Que, Reiner Bleher, Francesca E. Duncan, Betty Y. Kong, Sophie C. Gleber, Stefan Vogt, Si Chen, Seth A. Garwin, Amanda R. Bayer, Vinayak P. Dravid, Teresa K. Woodruff, Thomas V. O’Halloran Nature Chemistry 7,130–139 (2015)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *